Get Adobe Flash player
Nuova pagina 1

Trib. Lecce, est. De Benedictis. Sentenza nr. 470 del 22.72005, depositata il 7.7.2006

Integra il delitto di violenza privata previsto dall'art. 610 c.p., e non quello di abuso di mezzi di correzione previsto dall'art. 571 c.p., la condotta dell'agente che, nei confronti di persone sottoposte alla sua autorità o custodia, commetta atti di costrizione illecita, determinati dal solo motivo della violenza, della prevaricazione e dell'umiliazione (nella fattispecie sono stati ritenuti responsabili di tale reato, in concorso con quello di lesioni aggravate da sevizie e crudeltà , il direttore, alcuni operatori di un Centro di Permanenza Temporanea e alcuni carabinieri addetti alla vigilanza sul Centro, per avere deriso e malmenato selvaggiamente alcuni immigrati clandestini, ripresi nel Centro dopo un tentativo di fuga, costringendone inoltre alcuni, con violenze inaudite, a ingurgitare pezzi di carne di maiale cruda, nella piena consapevolezza della fede musulmana di quelle persone e in periodo di Ramadan".

dai CEAG

file.zip

Share