Get Adobe Flash player

Documenti in genere

Nuova pagina 2

Consiglio di Stato sent. 1144 del 22 marzo 2005

Per quanto riguarda le Procure, nessuna disposizione di legge prevede, a differenza di quanto accade per i giudici, che gli affari siano ripartiti secondo criteri obiettivi e determinati. Il legislatore tace, infatti, sull’assegnazione dei procedimenti penali all’interno degli uffici di procura. Pertanto, l’interpretazione non può portare ad un’ulteriore dilatazione degli spazi di intervento del Csm all’interno di un’organizzazione che la legge ha plasmato in funzione del ruolo gerarchico esercitato dal procuratore

Leggi tutto: Assegnazione degli affari nelle Procure