Get Adobe Flash player

Niente benzina....

Pubblichiamo, con il suo consenso, la lettera che il procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Vibo Valentia ha mandato ai colleghi iscritti ad alcune mailing list.

E’ un altro apporto di informazione concreta, immediatamente comprensibile da parte di qualunque Cittadino, sulle condizioni del lavoro quotidiano nella Giustizia, oggi, in Italia.

E’ utile ricordare che l’art. 110 della Costituzione attribuisce al Ministro della Giustizia, e quindi al Governo, poteri e doveri in tema di organizzazione e funzionamento dei servizi relativi alla giustizia.

Quando pertanto il Governo indica ai Cittadini la Riforma della Magistratura come rimedio efficace e principale del certamente inadeguato funzionamento dell’amministrazione della Giustizia, sarebbe bene che i Cittadini fossero consapevoli delle reali cause, e delle effettive responsabilità, di tale inadeguato funzionamento. Questo è un esempio.

 

 

Oggi il Tribunale non potrà celebrare processi con imputati detenuti. Il direttore della casa circondariale ha informato che non ha più la possibilità di reperire a credito carburante per i suoi veicoli. I fondi erano già finiti da più tempo. La comunicazione è avvenuta a mezzo telefono. La casa circondariale ha esaurito già da tempo i fondi per l'acquisto di carta.

 

Non che la Procura della Repubblica, sotto il profilo fondi, stia meglio.

Manca la carte per le fotocopie ed incontriamo gravi difficoltà nel rilasciare copie di atti all'utente che ha pagato i diritti; i fondi per l'acquisto del toner coprono appena il 50% del fabbisogno ( e non vi dico delle rigidità burocratiche quando si è proposto di acquistare cartucce rigenerate..), la dotazione della benzina è di nr.20 buoni per due autovetture, una delle quali, blindata, è destinata a magistrato sottoposto a misure di protezione, le sezioni di PG. non hanno computer, carta, toner e materiale di consumo e la Procura, che aveva finora sopperito al problema, non è più in condizioni di intervenire.

 

Nell'ultimo anno è arrivato un solo computer nuovo, non c'è manutenzione per quelli oramai vecchi ed usurati, sovente si deve ricorrere a quelli personali.

Per legge di natura proseguono i pensionamenti del personale amministrativo ( la cui età media è alta, sopra i 50 anni) senza copertura del posto. Per convenzione normativa, che equipara l'organico di diritto a quello di fatto, non abbiamo vuoti in un organico, che negli ultimi cinque anni ha comunque avuto una contrazione superiore al 20%.

 

Non siamo stati fermi, magistrati e personale amministrativo, ad assistere a tutto ciò : progetti, convenzioni con  amministrazioni locali, ricerca di risorse esterne per far fronte quantomeno all'emergenza.

 

Ma fare ciò non è la fisiologia : le risorse per il funzionamento del sistema giudiziario devono provenire, per previsione costituzionale, dallo Stato tramite Ministero Giustizia.

E non è fisiologico soprattutto in terra di Calabria, in terra di Vibo Valentia, dove l'aggressione delle cosche allo Stato è ora ai massimi livelli : progetti per uccidere pubblici ministeri, minacce continue e gravissime a magistrati, attentati ad imprenditori e rappresentanti delle istituzioni locali.

In terra di Vibo Valentia gli attentati e le minacce ad imprenditori, sindaci, amministratori locali sono continui e quotidiani e gli investigatori ( a proposito tutte le forze dell'ordine sono caratterizzate a Vibo da una carenza di organico superiore al 15%) in difficoltà nel  far fronte a tutte queste emergenze.

 

L'anno scorso il Ministro di Giustizia ha riunito, dopo le note vicende di Reggio Calabria, i capi degli uffici giudiziari, garantendo un impegno straordinario ed eccezionale per far fronte a quella che considerava un'emergenza nazionale. Il suo intervento fu molto apprezzato e su di esso si fondarono molte speranze.

 

Ciò che seguì non fu proporzionato alle attese ed alle speranze. Non so di preciso cosa è arrivato negli altri uffici giudiziari calabresi; qui a Vibo non è arrivato nulla e continuiamo a barcamenarci nell'emergenza, che ho indicato in questa mia lunga ed afflittiva nota.

 

Ma ora siamo arrivati al livello di guardia : quanto sta accadendo in questi giorni è la prova definitiva che la Calabria è una reale emergenza nazionale, i cui problemi irrisolti finiranno per contagiare - rectius stanno contagiando - l'intero territorio nazionale. Occorre riprendere quel discorso iniziato con il Ministro l'anno scorso, discutendo concretamente di allocazione e razionalizzazione delle risorse attraverso una progettualità straordinaria da realizzare subito.

 

Su  queste cose penso che sia necessaria una riflessione di tutti.

 

Mario Spagnuolo. Procuratore della Repubblica di Vibo Valentia”

 

14.6.2011

Share