Get Adobe Flash player

SOLIDARIETA’ AI MAGISTRATI DI CIVITAVECCHIA

Il MOVIMENTO PER LA GIUSTIZIA
esprime intensa solidarietà ai MAGISTRATI del Tribunale di CIVITAVECCHIA, che vivono una situazione esemplare delle attuali disfunzioni della giurisdizione, messa nelle condizioni di non poter assolvere il compito di servizio ai cittadini che la Costituzione le assegna.

A Civitavecchia manca, da due anni, il presidente del tribunale, manca l’unico presidente di sezione in organico, mancano due magistrati su 18, manca il dirigente amministrativo, il personale amministrativo presenta rilevanti scoperture rispetto ad un organico già manifestamente inadeguato (le stesse 57 unità in organico prima dell’aumento della competenza territoriale sulla zona di Fiumicino, significativo esempio delle ‘riforme a costo zero’ che ignorano considerazioni di elementare aritmetica).

Il Consiglio giudiziario di Roma non ha potuto valutare, come per legge gli compete, l’organizzazione del Tribunale, per la conclamata inaffidabilità dei dati statistici civili e l’assenza di quelli penali - conseguenza dell’assoluta impossibilità di far altro che gli adempimenti connessi alle impellenze delle udienze - ed ha rappresentato l’inefficienza della funzione giurisdizionale.

I Magistrati del Tribunale di Civitavecchia si sono rivolti collegialmente al CSM ed al Ministero, perché non riescono più ad adempiere con dignità neppure il minimo indispensabile del servizio. Siamo con loro e ci associamo alle loro richieste.
I Magistrati hanno a cuore il servizio giustizia, vogliono poterlo esercitare, e con dignità.
Abbia chiaro il Ministro che tutti i progetti annunciati sono destinati a rimanere vuote parole, senza risorse.

24. 1. 2007

Carlo Citterio Ernesto Aghina
Segretario generale Presidente

Share